Activity Tracker: cos’è e come funziona

Gli sportivi lo conoscono bene e non possono farne a meno. E’ l’activity tracker, un dispositivo ormai irrinunciabile per molti, un modello da polso simile a un comune orologio ma con una serie di funzionalità che lo differenziano da un semplice segnatempo. Per chi pratica attività sportiva, ma anche semplicemente per tipi dinamici sempre in movimento, l’activity tracker è un accessorio che serve a vigilare sull’attività fisica che si svolge e aiuta a determinare valori e parametri che possono anche essere utili come specchio della propria salute. Noti anche come smartband o fitness tracker, questi utili dispositivi, particolarmente innovativi e tecnologici, rivolti soprattutto a un pubblico di sportivi in ogni ambito delle più svariate discipline, sono disponibili sul mercato in un’infinità di varianti. Ma cos’è, di preciso, e come funziona un activity tracker ‘tipo’?

Non tutti montano le stesse funzioni, che variano anche in larga misura da modello a modello. In linea di massima, gli activity tracker, da portare come dicevamo come orologi al polso, possono essere di varie forme  (quadrati, rotondi, rettangolari) e presentano un display che riporta tutti i dati del movimento, dell’attività fisica e dei parametri vitali del soggetto che li indossa. Il monitor può essere a Led, Amoled o Oled ed è ‘fermato’ dal cinturino annesso al dispositivo. In genere questi dispositivi sono alimentati a batteria e inglobano funzionalità quali la misurazione del battito cardiaco, il contapassi e altri dati per misurare la pressione e il chilometraggio percorso, oltre all’inclusione in molti modelli del gps per la geolocalizzazione e dei tracking del percorso, come è spiegato meglio in questa pagina tematica sugli activity tracker.

Favoriscono, inoltre, la pianificazione degli allenamenti mediante schemi prefissati e valutano anche i momenti di sosta, riportando i valori degli intervalli in cui si è sedentari. Per quanto assomiglino nella struttura e nelle funzioni agli smartwatch in realtà se ne differenziano, in quanto questi ultimi sono più accessoriati ed equipaggiati e non si limitano a utilizzatori che fanno solo sport. Tornando alle caratteristiche base degli activity tracker possiamo classificarli fra i dispositivi elettronici più utili per lo sportivo, anche se sottovalutati per un certo periodo, per quanto ultimamente stiano recuperando terreno sul mercato di riferimento.